ENERGY MANAGER


Presente in Italia già con la Legge 308/82, la figura dell’Energy Manager trova definitiva e razionale identificazione con la Legge 10/91. In essa viene infatti introdotto il Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia (o Energy Manager), che diviene obbligatorio in tutte le aziende e gli enti caratterizzati da consumi energetici annui superiori a un determinato consumo di energia primaria (TEP – Tonnellate Equivalenti di Petrolio). I limiti minimi per gli obblighi di nomina sono i seguenti:

  • 1.000 tep/anno per i soggetti del terziario e della Pubblica Amministrazione
  • 10.000 tep/anno per le imprese del settore industriale

Indicativamente 1.000 tep corrispondono a circa 1,2 milioni di m3 di gas naturale o a 4,5 milioni di kWh.

Sulla base delle attitudini richieste, la figura dell’Esperto in Gestione dell’Energia si trasforma quindi in una professionalità definita, con competenze manageriali, tecniche, economico-finanziarie, legislative e di comunicazione che supporta i decisori aziendali nelle politiche e nelle azioni collegate all'energia.

La figura dell’Energy Manager diventa una figura di supporto alle decisioni aziendali in termini di consumi e costi energetici. Da qui molte aziende volontariamente, anche se non hanno i limiti di consumo che identificano l’obbligatorietà della funzione, inseriscono nella loro organizzazione tale funzione per ottimizzare l’utilizzo delle risorse ed introdurre saving nei costi energetici.

SMART HOUSE SRL può affiancarvi, attraverso esperienza e professionalità propria e dei propri partner nell'analisi, definizione obbiettivi e implementazione di progetti di efficientamento energetico. Ricoprendo, ove richiesto, la figura di Energy Manager ed affiancandovi nella definizione e implementazione del vostro piano di miglioramento energetico.